Eugene Smith, mondo d’ombra

A cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento?

Eugene Smith

William Eugene Smith nasce il 30 dicembre 1918 a Wichita, nel Kansas.
Il suo avvicinamento alla fotografia avviene in tenera età, grazie alle madre, amante della pellicola.
Vive un’esistenza “normale”; fino a quando un fatto tragico sconvolge la sua vita: il suicidio del padre durante gli anni del liceo.
Smith, da allora, comincia ad essere quasi ossessionato dalla macchina fotografica, ma grazie ad esso, riesce a superare la perdita.
Il suo talento è ben visibile fin da ragazzo, lavora per il giornale locale, nella rubrica sportiva, si iscrive ad una scuola specializzata in fotografia, ma la lascia dopo i primi sei mesi. Si trasferisce a New York dove comincia a collaborare con Newsweek, ma anche come freelancer, con New York Times, Harper’s Bazaar e Life.

The Second World War, Iwo Jima, Sticks and Stones

Soldier in Okinawa in 1945

Dying infant found by American soldier in Saipan Mountains

Il periodo con Life porta Smith nelle zone di guerra, nel Pacifico (Saipan, Okinawa, Iwo Jima), per terra, mare ed aria. La sua carriera venne interrotta nel 1945, durante l’invasione di Okinawa. Una granata compromise il suo volto e le sue mani seriamente. Dopo numerosi ricoveri ed interventi chirurgici, il desiderio di ritornare a scattare è forte, ma, questa volta, ciò che vuole trasmettere tramite le proprie immagini sono concetti come la speranza, le gioia, la coscienza sociale.

“Il giorno in cui ho provato per la prima volta a fare una fotografia, riuscivo a stento a caricare il rullino nella macchina fotografica. Eppure ero deciso che la prima fotografia sarebbe stata un contrasto tra le fotografie di guerra ed avrebbe parlato dell’affermazione della vita”

The walk to paradise garden

Viene “alla luce” l’immagine di due bambini, i suoi figli, che emergono da una foresta oscura, “The walk to Paradise Garden”. In questo periodo Smith produce lavori come Country Doctor, Nurse Midwife, The Spanish Village. Smith si immerge completamente e totalmente nella vita dei propri soggetti, un approccio del tutto nuovo per i tempi. Life pubblica molti di questi lavori, anche se non riesce del tutto a capire ed appoggiare il suo metodo fotogiornalistico. Le tensioni divennero tali da spingere Smith a lasciare Life, per abbracciare Magnum, la quale appoggiava e sosteneva totalmente la sua visione fotogiornalistica.

Serie “Country Doctor”

Serie “Country Doctor”

Serie “Country Doctor”

Smith continua a produrre immagini d’autore, supportato anche dalle borse di studio Guggenheim. Uno dei suoi progetti più titanici, riguarda la città di Pittsburgh. Vennero realizzate 11 mila immagini fotografiche, ma nessuna di esse vide la luce, provando scompiglio all’interno di Magnum. Il progetto Pittsburgh lasciò fisicamente, mentalmente e finanziariamente Smith esausto.

Pittsburgh Photographs

Pittsburgh Essay, (Church)

Decide di lasciare Magnum e di trasferirsi a New York, dove produce una serie di immagini realizzate dalla propria finestra.

The Jazz Loft Project

 

821 Sixth Avenue in New York

1971 inizia il progetto Minimata, un piccolo villaggio di pescatori in Giappone finanziato da Hitachi. Le acque del villaggio erano ricche di mercurio, a causa dell’industrializzazione. Generazioni intere di persone portavano sul loro viso, i segni devastanti di quello scempio.

Tomoko Uemura in Her Bath

Aileen Mioko Smith co-authored with W. Eugene Smith

L’uomo riceve numerosi premi, viaggia per insegnare fotografia ed approda a Tucson, Arizona, nel 1977, per insegnare all’università. Un anno dopo, un ictus celebrale stronca la vita di Eugene Smith.

“Sono sempre combattuto con l’atteggiamento del giornalista, che è un registratore di fatti, e l’artista, che spesso è necessariamente contro i fatti. La mia principale preoccupazione è per l’onestà, soprattutto l’onestà con me stesso”

L’animo di Smith è sempre stato molto irrequieto, e questa sua tensione, era facilmente leggibile, nelle proprie immagini. Bianchi e neri netti, forti, dove la luce emerge a fatica, soffocata, ma allo stesso tempo intimi, come se noi spettatori stessimo lì, al suo fianco ad osservare la scena. Dopo l’incidente del 1945, Smith diventa sempre più dipendente da alchool ed anfetamine, la depressione, insieme a momenti di grandiosità si alternano come in una danza per tutta la sua vita.

Letture:  W. Eugene Smith, ed. Contrasto

Annunci

Uno sguardo grottesco con Diane Arbus

“Il bello delle cose è nella mente che le contempla” David Hume

Quando abbracciamo il mondo della fotografia, l’obiettivo di molti fotografi è quello di ottenere una bella immagine, di un bel soggetto, di un bel paesaggio, del bello in generale.

Ma cosa vuol dire davvero fotografare? Secondo Susan Sontag è attribuire importanza.

Non esiste soggetto che non si possa rendere bello, tenendo conto che è inscindibile eliminare valore ai propri soggetti. Valore è qualcosa di soggettivo, ma non esiste un momento più importante di un’altro, né una persona più interessante di un’altra. Il valore è quel qui che noi gli attribuiamo. Un soggetto banale per la maggior parte degli spettatori, può diventare l’apice di interesse per un fotografo/artista che prende coscienza di ciò che ha di fronte, del suo significato e di ciò che vuole esprimere. Ora, dimenticativi di tutti quelli che si spacciano come “artisti” utilizzando cellulari e che fotografano perchè è tanto da hipster in questo periodo, senza avere una base di pensiero dietro lo scatto. Non parlo di nozioni tecniche, non solo, ma di tutto quello stato emozionale e di ricerca che si cela dietro ad uno scatto.

Se poi vogliamo perderci nel concetto di bellezza, dobbiamo percorrere una strada lunga ed affascinante, imbattendoci nel riflesso dell’armonia di tutte le cose, come affermava Aristotele, in tutto ciò che è proporzionato , integro e luminoso, secondo Agostino o attraverso le emozioni come ci spiegherà Goethe.

“Il mondo non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è comparso un artista originale” Proust.

Una delle prime pioniere a sfatare il mito della fotografia con bei soggetti è stata Diane Arbus, durante la sua retrospettiva al Museum of Modern Art nel 1972.

Centododici fotografie che rappresentavano un vasto assortimento di mostri, abomini, in pose goffe, buffe, agghindate in maniera bizzarra e ridicola, completamente antiestetici in ambienti lugubri e tristi.

Ciò che la Arbus fece fu quello di denotare una realtà presente in America (e non solo) per elevarla, farla conoscere: l’umanità non è “una”.

Le sue opere non suscitarono, come ci si aspetterebbe, un sentimento di compassione, verso questi relitti umani, al contrario, vennero elogiate per la loro obiettività.

La anormalità, dall’aspetto strano, che tanto attirava Diane, era ed è più normale di chi pretende e rivendica di essere normale. La sofferenza è molto più leggibile nei ritratti dei normali.

I ritratti della fotografa verso questi fenomeni da baraccone, sono volutamente enfatizzati, poiché Arbus voleva che i suoi soggetti fossero consapevoli dell’atto a cui partecipavano, incoraggiandoli ad essere goffi, ad interpretare loro stessi, senza cadere nella parodia.

I protagonisti dei ritratti non sembrano accorgersi di essere brutti. L’accento non va posto sul loro aspetto fisico, ma sulla loro indifferenza.

Diane Arbus non giudica l’esistenza, il trascorrere dei giorni dei suoi soggetti, si limita a visitare le loro vite, è una visione esterna. L’opera di Arbus rappresenta una forte critica verso tutto ciò era pubblico, convenzionale, sicuro, a favore di ciò che era privato, segreto, brutto e affascinante.

Pensare a questi contrasti oggi ci sembra assurdo, ma per l’epoca in cui operò la fotografa, non lo era.

“Una fotografia è un segreto che parla di un segreto. Più essa racconta, meno è possibile conoscere” Diane Arbus

 

Letture: Sulla fotografia – realtà e immagine nella nostra società, di Susan Sontag, ed. Piccola Biblioteca Einaudi.

Annemarie Schwarzenbach – Fascino androgino di una vita al confine

Effettivamente in quanto donna, non ho un paese. In quanto donna, non voglio un paese, in quanto donna il mio paese è il mondo intero.

Virginia Woolf

Dimentichiamoci dei dandy come Oscar Wilde, di Charles Baudelaire, di uomini a cavallo tra fine ottocento ed inizio novecento. Il nuovo secolo vede emergere una nuova ed intrigante figura all’orizzonte, una trasformazione da ciò a cui il mondo era abituato. Il dandy rinasce e si reincarna in figure femminili forti, androgine, che si vogliono imporre sulla scena sociale. E’ un epoca di enormi cambiamenti, di radicali trasformazioni in ambito sociale, politico e culturale per la donna, con la sua richiesta di emancipazione. E’ proprio tra le due guerre mondiali che il dandy maschile va, via via affievolendosi, per lasciare spazio ad una nuova identità che attinge elementi dal suo passato dandistico, ma anche creandone di inedite. Nasce così la femme performer, affascinata dai giochi di genere, dalla industrializzazione dai fenomeni di massa. La fotografia diventa il mezzo per comunicare con il mondo, con ritratti di donne intente ad adoperarsi in azioni che sono state legate da secoli alla figura maschile. La moda aiuta questa emancipazione: ecco ora il look alla maschietta, uno stile unisex, un linguaggio visivo che segnava la liberazione dai canoni classici della donna come angelo del focolare.

La femme moderne è una donna vincente, anche il cinema vuole sottolineare questo aspetto, si pensi solo a Marlene Dietrich in Morocco, o Greta Garbo nella Regina Cristina.

La lista non si limita al mondo dello spettacolo, ma anche alla scrittura, al giornalismo, alle arti in generale.

Ed è in questo clima che percorre la sua vita Annemarie Schwarzenbach.

Nasce a Zurigo il 23 maggio 1908. Figlia di una famiglia benestante, vive un’infanzia ed un’adolescenza segnata dalla presenza possessiva ed ingombrante della madre, con la quale vivrà sempre un rapporto di amore e repulsione. La sua salute è cagionevole, ma questo non le impedì di sviluppare una forte personalità.

Ama la scrittura, che trasformerà in un lavoro diventando giornalista per diverse testate.

La sua presenza in società è carismatica, forte, un fascino ambiguo. Marianne Breslauer, fotografa, ne parla così:

Mi fece allora lo stesso effetto che faceva a tutti: uno strano miscuglio di uomo e di donna […] non un essere vivente, ma un’opera d’arte.

Dopo la scrittura c’è la fotografia, con una duplice funzionalità: fermare su pellicola immagini di luoghi lontani per accompagnare visivamente i suoi viaggi al confine del mondo e dall’altro servirà agli altri a catturare il suo volto.

La sua instabilità emotiva ed esistenziale, la porteranno ad abbandonare la neutrale Svizzera, per spingersi verso terre lontane, bisognose di essere raccontare, di essere vissute. Viaggia attraverso l’Asia, l’America, l’Africa. Si muove non solo a scopo giornalistico, ma è anche una fuga da se stessa, dalle droghe che creano in lei sempre una maggiore dipendenza.

Con la fotografa Barbara Wright parte per gli Stati Uniti per realizzare un reportage sociale, dopo la crisi del 1929 e il New Deal, nelle regioni più arretrate del paese.
Fotografa la condizione dei braccianti del sud, il razzismo, lo sfruttamento del lavoro minorile le condizioni disumane di lavoro degli operai. Annemarie, quando fotografa, sceglie di stare ad una distanza abbastanza ravvicinata dal soggetto e con un punto di vista ribassato, cerca, al tempo stesso di entrare in contatto diretto con il soggetto di fronte a sé, ma anche di farle emergere, donando a loro una certa fermezza, un loro io personale.

Una foto può dirsi riuscita solo se il contenuto si “impone immediatamente” all’osservatore.

L’entusiasmo di essere a New York, cede presto il passo ad un rifiuto verso la città, emblema stesso dell’isolamento dell’uomo, della propria solitudine. E’ questo anche il periodo del suo stadio estremo d’instabilità e depressione, infatti tra il 1938 e il 1939, trascorrerà molto tempo all’interno di cliniche specialistiche.

Ma la sua voglia di raccontare, di ricercare, di comprendere è sempre più viva.

Passerà un breve periodo in Cecoslovacchia come fotogiornalista professionista, dove assisterà ai prodromi della guerra mondiale.
Lascerà l’Europa con Ella Maillart nel giugno del 1939 a bordo di una Ford Roadster, per intraprendere un viaggio verso l’Afghanistan fino all’India. Il viaggio è finanziato da un’importante rete di agenzie giornalistiche e riviste che scommettono sull’avventura delle due donne.

E’ un viaggio non privo di difficoltà, ma anche di grande creatività, spunti su cui riflettere, come, ad esempio, l’articolo Le donne di Kabul, dove Annemarie si interroga sulla condizione della donna di Afghanistan.

Ma anche questo viaggio volge al termine, per portare la donna un’ultima volta negli Stati Uniti e poi toccare il Congo Belga.

Paradossalmente alla sua vita avventura, troverà la morte in un banale incidente in bicicletta, che mina la sua salute già cagionevole, che la porterà alla fine il 15 novembre 1942.

Annamarie Schwarzenbach è stata simbolo di un periodo storico, fatto di intrecci politici, culturali e sociali, ma anche di una vita tormentata, fatta di paure, ansie dubbi, infelicità e successo, alla ricerca di un po’ di felicità.

Letture: “Moderne icone di moda – la costruzione fotografica del mito”  di Federica Muzzarelli – Ed. Einaudi

Alice Springs

Una domenica mattina, Helmut era a letto con l’influenza, e non poteva prendere parte al suo rendezvous per fotografare un modello per la pubblicità delle sigarette Gitanes presso Place Vendome. Visto che qualcuno doveva avvertire il ragazzo, ho suggerito che potevo andare io, portando la macchina fotografica con me e scattare delle foto, ben sapendo che quello non era un lavoro di Helmut, che avrebbe potuto rifare lo scatto durante la settimana. Helmut mi mostrò come utilizzare l’esposimetro e come caricare la macchina, e ho scattato la foto. L’abbiamo mandata al cliente e ho capito che ero entrata nel business quando il compenso arrivò alla posta di Helmut”

Sguardo da seduttore consumato, una scia di di fumo si confonde ed avvolge il viso, lo sguardo lontano, abbigliamento di una generazione piena di sogni e di voglia di capovolgere il mondo. Ecco il primo scatto di Alice Springs, che sostituì il marito nel 1970 per la pubblicità di Gitanes.

 

Viene inaugurata il 27 settembre alla Fondazione Helmut Newton di Berlino una retrospettiva su June Browne, meglio nota con lo pseudonimo Alice Springs. Nel 1948 convogliò a nozze con Helmut Newton, dopo essere stata per lui sua modella.

L’episodio di Gitanes segna l’inizio della sua ascesa nel mondo della fotografia.

Arrivano nuove esperienze, come gli scatti per la campagna Jean Louis David. Donne con caschetti curatissimi, padrone della città, donne carismaiche, divertenti, sensuali, donne vere.

 

Gli anni 70 sono ricchi di soddisfazione per Alice.

 

“E poi è arrivato Depece Mode. L’editor in chief aveva chiesto ad Helmut di lavorare per lui, ma Helmut era già sotto contratto con Conde Nast e fece il mio nome. Mi fu affidato un compito, con la condizione che avrebbero potuto avere diritto di veto, nel caso in cui non gli fosse piaciuto. Per mia fortuna il lavoro fu accettato e divenni un contributor regolare. C’era una ventata nuova ed io ero parte di essa”

Street Look provocatori di una Parigi in fermento

 

L’unione con Helmut la portò a conoscere persone importanti del mondo della moda, del cinema, dell’arte. Entrare in salotti altolocati, scattare ritratti di personalità forti, che guidavano e guidano, un mondo a cui molti ambiscono.

Ritratti veri, bianchi e neri che condiscono uomini e donne nei loro spazi più intimi, riflessi del loro estro.

 

Ma Alice coglie anche sguardi e personalità lontane dalle passerelle, dai riflettori. Visi sorridenti, attimi rubati, tutto impresso sulla pellicola. Alice riesce a trasmettere una sensazione “casalinga”, come se noi tutti conoscessimo le persone da lei ritratte, come se noi tutti fossimo passati a Ca’ del Bosco a Erbusco

Poi venne la danza, il nudo, ed Helmut. Scatti nei suoi set durante i servizi fotografici, mentre lavora, c’è amore nella fugace figura di Helmut a Maui, durante gli scatti per American Vogue.

Citazioni tratte da Alice Springs photographs – ed. Taschen

La metempsicosi, ma è brutta!

Cosa provate quando osservate un’immagine che vi piace?

Prendete una rivista e cominciate a lasciare scivolare le sue pagine fra le vostre dita. Guardatela anche velocemente, sarà il vostro occhio a dirvi quando fermarvi.

ImmagineMi auguro che, una fotografia come questa, possa scuotere il vostro animo. Per chi se lo fosse perso, sono scatti di Annie (oh my god ti adoro) Leibovitz per il film “Les Miserables”.
Proprio con quest’immagine, sono entrata in brusco contatto, con la percezione dei giovani.
E’ stato un momento molto brutto e scadente, uno di quelli che non vorresti vivere, nè leggere, nè credere che sia successo veramente.
Girovagando nei meandri  di facebook, un’amica in comune, condivide, giustamente sdegnata, il commento di una ragazza su Fantine.
La giovane era sconcertata, per usare il termine corretto, del fatto che avessero reso così brutta l’attrice, tutta storta, ma, principalmente, che l’immagine era brutta.
Partendo dal fatto che lei non era conscia di riferirsi direttamente all’immagine, ma come è possibile un’asserzione del genere?!
Tralasciamo che il soggetto, non aveva in mente nè la storia, nè la storia dell’arte (sospetto un richiamo ad Ingres), se no avrebbe capito il perchè della posa, della luce e del personaggio.
L’emozione che ha provato guardando l’immagine è stata “brutta”…avrei capito disperata, patetica, triste, rassegnata, ma brutta o__o
Sono rimasta basita dal fatto che il nostro occhio, che dovrebbe essere abituato a belle immagini, non lo sia, o non sia in grado di capire al di là stesso della mera immagine visiva (sto generalizzando ovviamente).
Tristezza a palate.

Immagine

Probabilmente sono i canoni a cui ci stiamo abituando a non farci percepire al meglio le sensazioni, a volerne di più o di genere diverso.
Siamo esaminatori distratti, scriveva Walter Benjamin, nel 1936.
Speravo in un cambiamento verso qualcosa di positivo, invece, dovrei forse ricredermi?

In compenso, si sta formando al meglio tutto l’entourage per lo shooting del 9 maggio.

A hidden ritual of beauty

Chi conosce Erwin Blumenfeld?

0416dada.4Tra gli amanti e studiosi della fotografia, questo nome apparirà ovvio e scontato.
Se fate una rapida ricerca con google, scoprirete facilmente qualunque dato su di lui, per lo più in lingua inglese.
Durante la mia trasferta a Tokyo, sono andata a vedere il “Tokyo metropolitan museum of Photography”. Se vi capita di trovarvi in Giappone, fateci un salto, merita la visita (anche per lo store, ricco di libri inediti in Italia ed oggetti sul mondo fotografico che desiderete possedere).
Qui ho potuto conoscere, con una personale Erwin.
Ciò che più mi ha colpito della sua personalità, è stato certamente la sua capacità di sperimentare, sempre, quella vena di curiosità che lo spingeva a non conformarsi agli standard che erano approvati dalla società, ma cercando di esprimere sè stesso e il suo estro, che è stata la sua chiave di volta per riuscire ad emergere rispetto a tutti gli altri fotografi dell’epoca.

Direi che il video può introdurre al meglio la figura di questo artista.

Erwin Blumenfeld - New York, 1949In 15 anni Erwin ha inventato la fotografia di moda. E’ entrato nel mondo delle riviste di moda. quando il fashion era ancora visto come illustrazione. Ovviamente non è stato sempre rose e fiori.
Il suo percorso inizia nel 1935, quando diserta la chiamata alle armi per la prima guerra mondiale. Si rifugia ad Amsterdam. Nella sua biografia scrive che tutti gli sconsigliavano di fare il fotografo, ma una pubblicazione per Arts et Mètiers Graphiques a Parigi, gli lancia il segnale, che è meglio cambiare aria.

Il primo anno fu il più duro: aveva moglie e tre bambini piccoli a cui badare. Il mondo della fotografia fashion era un circolo ristretto e chiuso, ma, all’età di 42 anni, firma il suo contratto con Harper’s Bazaar.

 

Poi scoppiò la guerra.

Se vi è venuta anche solo una piccola di curiosità di sapere ciò che avvenne dopo, consiglio la biografia (purtroppo in inglese), Eye to I: the autobiography of a photographer.

erwin-blumenfeld-5

Non so, ma leggendo un po’ le sue vicissitudini, trasportandola ai giorni nostri…mmm…ci sono diversi momenti, molto simili a ciò che stiamo vivendo, chiusura del mercato, circoli chiusi… ad esempio, giusto per citare qualcosa che ho sentito da vicino, mi è stato detto che le assistenti donna in Italia, non sono molto considerate. Nel senso che il loro ruolo è, prevalentemente, scaricare schede di memoria (se ci fosse qualche assistente fotografa che mi smentisca questa diceria, ne sarei grata), almeno che una non sia un “panzer” della corazzata russa, che sappia spostare qualunque cosa.
Oppure, quanti di voi si sono sentiti dire:” No, lascia perdere, non c’è più lavoro in questo campo! Cambia mestiere”.
Quel genere di frasi che ti fanno cadere le braccia. Ah, l’Italia. Un tempo eri il centro dell’Arte, ti invidiavano tutti…ora siamo al penultimo posto per i finanziamenti alla cultura…non divaghiamo.

erwin-blumenfeld-blog-1

Trovo che Erwin (lo chiamo per nome perchè mi sento affine a lui), sia incredibilmente moderno nelle sue scelte. Ad esempio, l’immagine qui a fianco, potrebbe benissimo essere la copertina del prossimo cd di Lady Gaga (ora perderò lettori per questo paragone ardito).
Una capacità, anche di rinnovarsi, e di cercare sempre il mezzo/metodo migliore per esprimere ciò che voleva rappresentare.
Credo ci sia molta da imparare da un fotografo come lui, e che dovrebbe trovare maggiore spazio quando si studia la fotografia di moda e la storia della fotografia (anche se sono vissuti e vivono così tanti talenti, che il tempo non è mai abbastanza).
Chissà, se un giorno, questa personale troverà spazio anche in uno dei nostri musei. Sarà un po’ come un deja vu, incontrare un vecchio amico, che non si è mai conosciuto.
Ripasserei volentieri il mio tempo, dedicando 3 secondi della mia esistenza allo studio ed alla visione di questo grande artista.


			

Nuovo inizio – Big Bang

Inizia una nuova avventura nel mondo del cyberspazio.

Scrivere, nuovamente, un blog, è per me una sfida.

Era da mesi che ci pensavo a tenere uno spazio nel mondo di internet per far conoscere il mio lavoro, le mie fonti d’ispirazioni, i commenti alle mostre, e tutto ciò che è inerente alla fotografia.

Perchè è di questo che voglio trattare, vivere e sognare.

Ed ora le presentazioni ufficiali in terza persona, che fanno un po’ snob, ma sono belle da scrivere.

Giulia, nasce nel mitico anno 1987, in quel di febbraio, sotto il segno dell’acquario. Le vicissitudini scolastiche la portano ad intraprendere l’Accademia di Belle Arti, dove entra in contatto con la fotografia.

Non era la sua materia preferita, anzi, trovava il tutto molto complicato. Scriveva i suoi appunti su un quaderno ad anelli con un pinguino in copertina.

L’esame consisteva nello studiare tutta la tecnica, ed applicarsi nella realizzazione di scatti fotografici a pellicola.

Usa una minolta ed una pellicola in bianco e nero.

L’esercizio le piace, e la porta a pensare che a lei, la fotografia, piaceva da sempre. E’ stata un’agnizione, una presa di coscienza.

Seguiva, dai tempi del liceo, Annie Leibovitz, ama osservare le immagini filmiche, analizzarle, immagina i propri film, i propri ciak.

Passa l’esame, presentando scatti di una modella, e ricerca sulla figura umana.

Sceglie il cognome Hepburn, per omaggiare una grande donna, non solo attrice, ma anche impegnata in cause umanitarie, un po’ come sottolineare che sotto l’apparenza si trova l’essenza vera della materia.

Questa è come tutto è iniziato.

Dalla mia prima minolta, sono passata ad una Nikon d90, regalatomi durante un Natale. Lessi il manuale durante la notte, facendo prove per capire tutte le funzioni.

Successivamente è stata la volta della Nikon d7000, ed ora di una Canon Eos Mark III, il grande salto.

Durante questi anni ho conosciuto un sacco di persone legate al mondo della fotografia, che mi hanno insegnato, influenzato, dato forza e massacrata.

Ho ricevuto parole buone, alcune ottime, ed altre che hanno smosso il mio animo e costretto/aiutato a capire/vedere ciò che non funzionava.

Momento pubblicità, linkando il mio video-portfolio.

Ma ora basta parlare di me in maniera così intima, passiamo all’ispirazione!

Sto preparando due grossi servizi fotografici, che andranno a condire il mio portfolio  da presentare ad un “essere” che amo e stimo da anni, di cui non dirò il nome, perchè sono sadica verso i lettori XD Questo per dire che sto costruendo elementi di scena *_* Vorrei che le immagini che scatterò risultino essere uscite da una fiaba/sogno/immaginazione, chiamatala come volete. Così mi sono messa a fare un po’ di ricerche in giro, soprattutto per quanto riguarda copri capi.

Il tutto è nato osservando il trailer de “The Lion king”, il musical, dove la scelta scenografica per riproporre gli animali della savana è al dir poco geniale. La ripresa delle maschere tradizionali africane è stupenda e, forse, tenterò, aiutata da Storm Neverland, nella realizzazione di una di esse!!!

lionking1_t250

df1445b0cf688f59c64dcc7353c6605d

The-Lion-King-007

Partendo da questo musical, mi sono messa a cercare anche quelli su “La sirenetta”, dove troviamo un Ursula giunonica con un costume da sbavo, “Aladdin”, “Wicked” e “Love never dies”, il seguito de “Il fantasma dell’opera”.

Chi non sogna di vestirsi da pavone gigante? Suggerisco anche la visione del trailer per quest’ultimo!

Continuando nella mia ricerca di copri capi e vestiti irresistibili, sono giunta a scoprire queste due personalità: Miss G design, Agnieszka Osipa.

7240_522777091111801_1569875317_n  149234_522777664445077_1152602226_n  561165_523000017756175_685060327_n

Mi sembra impossibile rimanere indifferente…

388639_444939165586951_1557122429_n 482264_442830105797857_1813397535_n

Alla luce e scoperta di queste meraviglie visive, mi sono detta che anch’io, forse, potrei iniziare a produrre qualcosa del genere per i miei scatti…quindi ho adibito il mio tavolino esterno e mi sto dedicando alla costruzione di elmi e suppellettili per i capelli…presto i nuovi aggiornamenti se mi sono bruciata con la colla a caldo oppure tagliata con un taglierino arrugginito…